Il Progetto

virgolette

Amo il mio lavoro.
Amo stare dietro le quinte per fotografare ogni rappresentazione umana.
Amo i contrasti, le differenze, gli sguardi diretti, i volti delle persone che incontro.
Amo ascoltare le loro storie.
Amo, entrando in una cucina, scoprire prospettive diverse.
Amo il coinvolgimento della brigata, la stanchezza di fine serata con il calare della tensione, il riaffiorare improvviso di nuove energie per farsi ritrarre in modo inconsueto.
Amo le ombre proiettate sui muri: mi ispirano a raccontare le loro storie, la loro vita, i loro sentimenti, le passioni, attraverso l’immagine del profilo.

Tutto questo per me è ChefProfile!

È un progetto a cui credo molto. Nasce dall’ultimo libro a cui ho lavorato, La caccia di Igles e dei suoi amici (MiCom Editore), grazie al quale ho avuto la possibilità di incontrare, nell’arco di qualche mese, molti cuochi e di vivere con loro situazioni amichevoli e non convenzionali.

ChefProfile è un gioco tra il cuoco e il fotografo che si svolge sul filo estetico delle ombre cinesi, del profilo alla Alfred Hitchcock. Le immagini rilevano l’aspetto più intimo e umano di chi lavora in cucina. Voglio sempre trovare la parte ludica di ogni lavoro. Solo così riesco a definire lavoro il mio lavoro, invito quindi a giocare con me tutti i cuochi  che vogliono essere fotografati: ChefProfile parte da questo concetto.

 

Davide Dutto

ChefProfile è un progetto che unisce la fotografia e le “persone del cibo”
ChefProfile 2017: che cosa sarà?
– Appartenenza e identità
– Comunicazione
– Eventi
– Opportunità
Il concept di ChefProfile è nato da Davide Dutto lavorando al progetto editoriale “La caccia di Igles e dei suoi amici” di Michele Milani e Igles Corelli (Editore MiCom).